Archivio per Categoria Radio e tecnologia

Digiusy

Cos’è un “radio edit”

I brani musicali che vengono trasmessi in radio devono possedere determinate caratteristiche, sia dal punto di vista della durata e dei contenuti, sia da quello più prettamente tecnico. In fase di produzione, si prepara quello che viene definito “radio edit”, ovvero una versione destinata ai network.

Durata e contenuti del brano

In linea di massima, i brani trasmessi in radio hanno una durata che oscilla tra i 3 e i 5 minuti. Se una canzone è più lunga, vengono quindi editate alcune parti, come ad esempio gli assoli strumentali o alcune sezioni che si ripetono. Per quanto riguarda i contenuti, si cerca di evitare che i brani contengano contenuti inappropriati, spesso con interventi sui titoli oppure su alcune espressioni linguistiche.

Normalizzazione e volumi

Anche dal punto di vista più strettamente tecnico le canzoni trasmesse in radio possono subire alcuni interventi che servono a rendere la programmazione più omogenea. Ad esempio, si ricorre ad una compressione audio maggiore rispetto alla versione “su disco”, per far sì che le parti con intensità (volume) più bassa siano maggiormente udibili. La normalizzazione, invece, si riferisce ad un processamento del suono che permette di creare in modo artificiale un intervallo di volume, in modo che la musica non raggiunga un livello superiore o inferiore, sulla base di parametri preimpostati.

Digiusy

La radio digitale

Le trasmissioni radio in digitale iniziano già negli anni Novanta, per venire incontro ad una esigenza di maggiore qualità delle trasmissioni. Erano gli anni del boom dei CD, e il digitale era già entrato prepotentemente anche negli studi di registrazione. La digital revolution era quindi già in atto, anche se, per rivoluzionare totalmente la produzione musicale e l’intera industria discografica, sarebbe dovuto trascorrere ancora almeno un decennio.

Principali caratteristiche

Il primo standard di trasmissione era denominato Digital Audio Broadcasting (DAB). Il DAB si affiancò alle trasmissioni analogiche, introducendo determinate codifiche che miglioravano il servizio radiofonico. Successivamente, un’ulteriore evoluzione ha portato alla creazione del DAB+, che rappresenta oggi lo standard di settore a livello europeo. Il DAB+ sfrutta una maggiore compressione audio e permette di ridurre le interferenze in modo ancora più efficace rispetto ai servizi precedenti. Inoltre, con questo protocollo si può sfruttare meglio la banda di trasmissione che, a parità di larghezza, può avere al suo interno un numero maggiore di stazioni.

Servizi aggiuntivi

Dal lato utente, la radio digitale ha il vantaggio di trasmettere, oltre alla programmazione audio, anche un flusso di dati. A seconda del tipo di ricevitore che si possiede, possono essere visualizzati il nome del network, del brano in onda e persino altri contenuti, come ad esempio i loghi dei singoli programmi oppure le copertine degli album degli artisti.

Lo “spegnimento” della modulazione di frequenza

In alcuni paesi europei, grazie all’efficienza della diffusione dei servizi in digitale, è stato previsto uno spegnimento delle trasmissioni in modulazione di frequenza (FM). L’operazione, che secondo alcune delibere riferite al settore dovrebbe avvenire nel prossimo futuro, non ha mancato di scatenare qualche polemica.